Avvocato Cristina Armas: anche i giudici si stanno svegliando.

(se non vedi il video in Chrome, prova con Firefox or Brave)
Cristina Armas, avvocato delle Isole Canarie, spiega perché ha denunciato lo stato spagnolo (Pedro Sánchez), l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il Forum Economico Mondiale, la Fondazione Bill & Melinda Gates, l’Agenzia Europea dei Medicinali, l’Istituto di Salute Globale di Barcellona, tra gli altri, per crimini di genocidio contro l’umanità davanti alla Corte Internazionale di Giustizia dell’Aia.

Come valuti questo video?

Facile da capire?
0
Importante?
0
Urgente?
0
Credibilità?
0
Imparato qualcosa?
0
Promedio
 yasr-loader

Trascrizione del video

Ciao, oggi siamo con Cristina Armas,
un avvocato delle Isole Canarie.

Come stai Cristina?

Ottimo.
Grazie mille per avermi invitato.

Benvenuti a Madrid Market.

Particolarmente gradito
perché sono in soggezione.

Hai fatto un lavoro di cento pagine,
mi dicono.

E lei ha sporto denuncia
contro il governo spagnolo,

né più né meno
al tribunale dell’Aia.

Il tribunale internazionale dell’Aia.

E li accusate…
di cosa accusate il governo spagnolo?

La denuncia non è solo
contro lo stato spagnolo, ok?

Perché nella Corte Penale Internazionale, è vero
che la prima denuncia che è stata inviata…

era diretto contro lo Stato spagnolo,

ma anche contro
le organizzazioni internazionali,

che capiamo essere ugualmente complici
della situazione che stiamo vivendo.

È stata denunciata
L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS),

il Forum Economico Mondiale (FEM),

la Fondazione Bill e Melinda Gates (BMG),

l’Agenzia europea
per i medicinali,

l’Istituto de Salud Global de Barcelona,

e qualcos’altro ancora, che
ora non ricordo a memoria.

Ebbene, di cosa li accusi,
di cosa accusi così tante persone?

Cosa hanno fatto?

Denunciamo che da marzo 2020…

crimini di genocidio contro
l’umanità vengono commessi,

non solo in Spagna,
ma a livello internazionale.

Capiamo che tutto quello
che abbiamo sofferto…

Non è affatto spontaneo, vale a dire…

non stiamo affrontando una crisi sanitaria
generata come conseguenza di una malattia,

come risultato
di un presunto paziente zero,

che consume una zuppa di pipistrelli
in un mercato di Wuhan…

e da lì viene dichiarata la pandemia mondiale.

Comprendiamo che qui
ciò che è stato fatto…

è un piano perfettamente
orchestrato, pianificato, organizzato…

da alcuni Stati e da alcune
organizzazioni sovranazionali.

E con diversi obiettivi,
tra questi credo che il più importante:

accelerare l’attuazione della
famosa agenda 2030,

di cui uno dei principali promotori
è il Foro Economico Mondiale.

Comprendiamo che è
uno dei più responsabili…

della crisi… no, della SITUAZIONE
che stiamo vivendo,

perché questa NON è proprio
una crisi sanitaria.

Non la vediamo
come una crisi sanitaria.

Quello che capiamo è che viene utilizzata
una crisi sanitaria…

politicamente motivato.

In quel caso, il problema
sanitario è venuto prima…

e poi, hanno creato
la motivazione politica?

Con la scusa della crisi sanitaria,
ciò che si prova

è che la cittadinanza
e che la popolazione assuma…

la perdita dei diritti e delle libertà
fondamentali con assoluta normalità.

Si tratta di instaurare
una sorta di dittatura.

Almeno è così che la vediamo.

Ci sono paesi, per esempio l’Australia,
dove l’esercito, oggi, è in strada…

per controllare che la popolazione
non possa saltare il lockdown.

Che c’è un lockdown dichiarato
in Australia fino a settembre.

E che il governo stesso…

ha detto che, nonostante a
raggiungere il 100% di vaccinazione,

continueranno a essere confinati.

Pertanto, penso che sia chiaro che
questo non è un problema di salute,

ma piuttosto un problema
politico e con uno scopo chiaro,

che è quello di stabilire
uno stato globale totale.

Che ruolo giocano i vaccini
in questo panorama che conti?

Che ruolo ha il vaccino?

C’entra il controllo, credo.

Il controllo e il confronto.

Penso che da un lato quello che cercano
sia sottomettere la popolazione,

attraverso il vaccino
e lo stiamo vedendo, cioè,

si è cercato di condizionare, ad esempio,
la libera circolazione in Europa,

quando con la legislazione in mano
e i diritti fondamentali…

sarebbe impossibile limitare la
nostra libera circolazione in Europa.

E ci hanno provato
attraverso il certificato Covid.

Fanno finta di poter solo viaggiare,
o fingono di renderlo difficile…

per le persone, che volontariamente
non vogliono farsi iniettare…

un farmaco di terapia genica.

Questa è un’altra cosa che deve essere
chiarita, che non è un vaccino,

perché non funziona come un vaccino,

né ha il virus SARS-CoV-2
nel contenuto…

ed è riconosciuto dalla
scheda tecnica di questi farmaci.

Pertanto, la prima cosa
che le persone devono capire…

è che non è nemmeno un vaccino.

Poi, attraverso l’inoculazione
di un farmaco di terapia genica,

intendono limitare la vita
di certe persone o condizionarla.

Hai dovuto parlare con
molti scienziati, molti medici…

per arrivare a certe conclusioni
e presentare documenti,

che siano attendibili,
che abbiano peso?

Che hanno una validità
davanti alla Corte Internazionale?

La maggior parte delle informazioni
che fornisco nel mio reclamo,

sono proprio informazioni raccolte
dagli stessi organismi ufficiali,

sia l’OMS, la fondazione BMG, il FEM…

Penso che questo gli
dia ancora più credibilità…

e dà più peso alla denuncia che
abbiamo presentato in Tribunale.

Molti avvocati ti hanno aiutato?

Mi hanno aiutato due colleghi
di Barcellona con la denuncia…

e poi un altro collega di Madrid
mi ha aiutato…

per contattare i collettivi.

Perché questa denuncia, è vero,
che l’ho firmata io,

ma è sostenuta da venti collettivi,

compreso il collettivo internazionale…

il cui presidente è il
giudice Angelo Giorgiani,

che ha presentato anche tre denunce,
per la stessa cosa,

per genocidio, presso la
Corte penale internazionale.

E quali sono le possibilità
che questo possa prosperare?

Di certo non conosciamo le reali
possibilità che ciò potrebbe avere,

perché il tribunale dell’Aia,
la Corte Penale Internazionale,

è un organo, che appartiene all’ONU…

e quindi è un tribunale politicizzato…

e con molto conflitto d’interessi.

Ad oggi, non sappiamo davvero
quale successo possa avere, ma è certo,

che sta servendo, in modo che
l’informazione raggiunga molte persone,

in modo che molte persone capiscano
cosa sta realmente accadendo.

E inizia a svegliare un sacco di gente.

Un po’ che le persone
prendano coscienza…

di come funziona il mondo,
di cosa sta succedendo,

di dove intendono portarci…

e che le persone si sveglino
e inizino a lottare…

per i propri diritti e libertà,
che sono in gioco in questo momento.

Se sappiamo già che la tua denuncia
non avrà più possibilità…

che attirare l’attenzione, quale sarebbe
il modo migliore per difenderci?

L’unico modo che abbiamo
è quello giudiziario.

È un fatto, che anche i giudici
si stanno svegliando.

Perché un anno fa, 15 mesi fa,
a marzo 2020,

questo ci ha sorpreso a tutti,
nel senso che…

a un certo punto siamo arrivati ​​tutti a
pensare che ci fosse davvero una pandemia.

A cominciare dai giudici,
a cominciare dalla corte costituzionale,

dalla corte suprema…

Quindi, penso che 15 mesi dopo
anche i giudici si stiano rendendo conto

che questo non ha nulla
a che fare con la salute.

E stanno mostrando molta sensibilità…

rispetto dei diritti
e delle libertà fondamentali.

Così, ad esempio, l’Alta Corte
di Giustizia delle Isole Canarie,

automaticamente dopo 48 ore,
ha revocato il certificato Covid.

Quindi credo che tutti noi, in una
certa misura, ci stiamo svegliando,

ci stiamo svegliando, non solo la
popolazione, ma anche i giudici.

Anche i giudici.

Print Friendly, PDF & Email
Rate this post 🙂
[Total: 0 Average: 0]
Posted on 21/09/2021
4 views

You may also like

Page 2 of 10

Deja una respuesta